Torre di Casa di Monte: ristora l’anima e il corpo

All’interno dell’Azienda agricola Casa di Monte la sala per la ristorazione offre l’opportunità di concedersi degustazioni della cucina tipica toscana, preparate con i prodotti a chilometro zero provenienti dall’azienda e da produttori locali.

La sala per la ristorazione può ospitare fino a 12 coperti ed è situata sulla torretta dell’edificio principale, dalla quale si ammira il paesaggio di Montespertoli. Un luogo caldo e accogliente, pregno di storia, dove poter passare una piacevole serata in un’atmosfera raccolta e di grande fascino.

Qui la cucina toscana trova uno dei suoi privilegiati luoghi dove poter assaporare i sapori dei prodotti tipici toscani gustati a stretto contatto con i produttori. Oltre ai prodotti provenienti direttamente dall’azienda, la cucina propone piatti preparati con gli ingredienti della filiera corta a chilometro zero, mantenendo così intatto tutti i sapori del territorio.

Prodotti a chilometro zero

Casa di Monte non è soltanto un’azienda agricola impegnata nella produzione delle migliori varietà di vino di un territorio unico al mondo, dal Chianti DOCG alla qualità Riserva, dal Rosso di Toscana IGT al Chianti Gran Selezione, ma è anche produttrice di un olio di superba qualità proveniente da un oliveto specializzato nella produzione di olio extravergine che si estende su oltre sette ettari.

L’olio è indubbiamente il principe di tutti gli ingredienti della cucina toscana, capace di dare il proprio inconfondibile aroma a tutte le portate, dai primi piatti sino alle carni e ai contorni.

Il luogo caldo e accogliente offre una condizione eccellente per calarsi in un vero e proprio viaggio nel tempo per riconoscere i sapori della cucina regionale tradizionale, ricca di una fertile biodiversità che è oggi conservata e trasmessa secondo i dettami della cucina moderna.

Il punto di ristoro dell’Azienda agricola Casa di Monte è aperto tutti i giorni, su prenotazione, dalle 19.

By | 2019-03-04T09:41:24+00:00 dicembre 28th, 2018|Senza categoria|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment